Cugina golosa...

Erano anni che non vedevo mia cugina, ricordo quando da bambini giocavamo insieme in campagna da mio nonno, eravamo molto uniti e tra di noi c'era una san complicità, poi col tempo ognuno a preso la propia strada, io sono rimasto sempre nella stessa città e lei invece andò a Roma per studiare rimanendo li anche dopo.
Sono passati almeno dieci anni quando ritorna alla città natale per un matrimonio di una ragazza sua amica che avevamo in comune ed è stato li che ci siamo rincontrati, inizialmente non ci siamo riconosciuti, ricordo che mentre eravamo a cena i nostri sguardi si sono incrociati, sul momento ne io ne lei non ci siamo accorti dell'altro ma poi mi era salito un dubbio e riguardandola avevo visto che anche a lei era venuto il dubbio.... poi come un fulmine a ciel sereno la riconosco, era diventata una bellissima ragazza, anzi molto sexy, ero al settimo di averla ritrovata e la vado a salutare, quando mi sono presentato inizialmente non mi aveva riconosciuto, per me pensava che fosse uno scherzo, ma dopo pochi attimi mi saltò al collo baciandomi a stampo come una volta...
Quella sera fu una vera rimpatriata, eravamo stracontenti entrambi, quanti ricordi avevamo rispolverato e quante risate ripensando a tutte le marachelle che avevamo fatto insieme, era stata una serata veramente interessante a tal punto che al matrimonio ci siamo seduti vicini per fare due chiacchere in nome dei vecchi tempi ed eravamo talmente presi che non calcolavamo più la festa e gli sposi; dopo cena e dopo gli scherzi avevano aperto una piccola pista da ballo ed io non potevo non invitarla a ballare, ci siamo scatenati propio come due bambini, un pò per l'alcol e un pò per la gioia di esserci rivisti dopo anni, ormai la serata stava volgendo al termine quando mettono una canzone lenta e visto che eravamo ancora in pista abbiamo ballato anche quella, ricordo che ci siamo abbracciati come due fidanzati e che ci guardavamo fissi negli occhi, le nostre espressioni erano cambiate completamente e i nostri corpi erano talmente vicini che sentivo il suo seno sul mio petto, la sua bocca sfiorava la mia non nego che fin da piccolo avevo un debole per lei ma si sa che tra parenti è sempre meglio non avere relazioni, ma quella sera mi era entrata diritta nel cuore e per me anche lei provava la stessa emozione, chiaramente ballando quel lento con lei abbracciati stretti avevo un'erezione e subito mi disse di averlo capito da un pezzo che ero contento di averla rivista e stringendomi di più mi fece capire che anche per lei era la stessa cosa....
Ormai era notte inoltrata e le persone stavano andando a casa, lei mi chiese se potevo darle un passaggio visto che abitavamo nella stessa città, non potevo non accettare; arrivati a destinazione mi chiese di salire per bere l'ultima cosa, una volta chiusa la porta di casa ricordo che senza neanche aprire bocca ci siamo attaccati baciandoci freneticamente per poi ritrovarci nel suo letto, metre ci toccavamo e ci baciavamo ci spogliavamo.... come due fidanzatini alle prese con le prime esperienze sessuali, quella notte non abbiamo fatto sesso, era chiaramente amore tanto che ora siamo felicemente sposati con due bellissimi gemelli!!!

Vota la storia:




Non ci sono commenti

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!