LA MIA PRIMA VOLTA parte terza - Rovigo Trasgressiva

LA MIA PRIMA VOLTA parte terza - Rovigo Trasgressiva

Finalmente avevo preso il mio primo cazzo, discretamente giovane e grosso, ma non era durato abbastanza per farmi venire un orgasmo, visto che la mia tattica della minigonna vedevo che funzionava, tutti i giorni andavo al lavoro con una mini sempre più corta, mi mettevo sempre più in mostra e sinceramente fare la gatta morta mi eccitava di brutto; un giorno un collega mi invia a cena a casa sua, era un bell'uomo di cinquant'anni e se devo essere sincera mi piaceva pure, senza indugi avevo accettato l'invito per la sera dello stesso giorno. Per l'occasione mi ero presentata chiaramente in minigonna, tacco e autoreggenti, appena ero entrata da casa sua avevo iniziato a mettere in mostra le mie grazie, lo vedevo molto preso dalla situazione, ad ogni volta che apposta accavallavo le gambe vedevo il suo sguardo che non mi mollava un attimo, amavo istigarlo e all'aperitivo stava già allungando le mani cercando contatto fisico, godevo solo al pensiero di essere la sua preda, scosciavo apposta per farlo impazzire, vedevo il suo pacco gonfiarsi sempre di più e la situazione mi garbava un sacco.. gli avevo chiesto di farmi vedere la casa e lui mi aveva subito portata nella camera da letto matrimoniale, mi sentivo già la patata bagnata, lei da dietro mi aveva preso i fianchi e appoggiandosi col pacco sul mio sedere facendomi sentire la voglia che aveva, io mi ero girata verso di lui e abbracciandolo avevo iniziato a baciarlo, una sua mano mi palpava il culo e una in mezzo alle gambe mi massaggiava il clitoride poi col dito medio aveva iniziato a penetrarmi la patata, io gemevo come una porca, non gli resistevo più e mettendomi a sedere sul letto avevo iniziato a fargli un pompino, più mi diceva porcate e più mi assatanavo, tutto d'un tratto si era staccato e lanciandomi nel mezzo del letto mi mise la testa in mezzo alle gambe leccandomi e succhiandomi le lebbra.. mentre mi faceva un pigiama di saliva si stava spogliando, una volta nudo mi era venuto sopra baciandomi e leccandomi ovunque, volevo sentire tutto il suo cazzo dentro di me e lo imploravo di scoparmi ad alta voce, senza farselo dire due volte me lo aveva messo tutto dentro in un colpo solo, ricordo che aveva un movimento di bacino che mi faceva godere come una pazza, gli avevo messo le mani sul sedere e lo aiutavo ad arrivare a fine corsa con prepotenza, lo avrei voluto fino in gola, mi stava scopando come volevo io, anzi meglio e propio mentre mi stava venendo dentro anche io stavo avendo un orgasmo... finalmente un uomo che mi aveva scopato come si deve!

Vota la storia:




Iscriviti alla Newsletter del Sexy Shop e ricevi subito il 15% di sconto sul tuo primo acquisto


Iscrivendoti alla newsletter acconsenti al trattamento dei dati personali come previsto dall'informativa sulla privacy. Per ulteriori informazioni, clicca qui

Non ci sono commenti

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI